Chardonnay

Home » Chardonnay

Sangiovese Chardonnay VermentinoPinot GrigioMoscato

Lo Chardonnay è il vitigno a bacca bianca più popolare e coltivato al mondo: è piantato a Chardonnay il 6% di tutte le superfici vitate nel globo. Popolare, però, non vuol dire meno prestigioso: è infatti il vitigno alla base della produzione dei grandi bianchi di Borgogna, ed è una delle tre varietà ammesse, insieme al Pinot Nero ed al Pinot Meunier, nello Champagne. La sua incredibile capacità di adattamento lo rende coltivabile praticamente ovunque, eccetto le fasce più settentrionali e fredde, dove, a causa della sua precoce fioritura, rischierebbe di non arrivare alla fine della fase vegetativa. Per il suo carattere non eccessivamente marcato, si presta perfettamente alla declinazione che decide di dargli il produttore: in rovere assume note di nocciola e burro, come nello Chablis, nella sua versione spumantizzata, come nello Champagne e, in Italia, nel Franciacorta e nel territorio del Trentodoc, dona invece freschezza ed acidità.

Come di quasi tutte le varietà, è difficile definire un’origine univoca, per alcuni studiosi ha radici mediorientali, per altri nasce da un incrocio spontaneo da una vite pre-addomesticata ed un vitigno proveniente dall’Illiria, regione degli attuali Balcani. In epoca moderna, invece, la sua diffusione parte dalla Borgogna, impiantato originariamente dai monaci cistercensi dell’abbazia di Pontigny, da dove si è diffuso progressivamente in tutto il mondo dalla fine del XIX secolo: il suo nome, infatti, deriva da Chardonnay, l’omonimo paese del Mâconnais, proprio in Borgogna. A lungo confuso con il Pinot Bianco, le ricerche genetiche hanno dimostrato che è un incrocio, avvenuto spontaneamente, forse in epoca Carolingia, tra Pinot Nero e Gouais Blanc, un vitigno di origine slava.

chardonnay 01
chardonnay 02
chardonnay 03