Franco Pacenti

Home » Franco Pacenti

La famiglia Pacenti arriva a Montalcino nei primi del Novecento, lavorando come mezzadri e spostandosi da un podere all’altro e dividendosi tra l’allevamento del bestiame e la coltivazione del grano, della vite e dell’olivo, lasciando, come era usanza all’epoca, metà della produzione ai proprietari terrieri. Con la fine della mezzadria, nel Secondo Dopoguerra, e l’industrializzazione delle città, Montalcino si spopola, restando una piccola, e povera, realtà contadina. Qui, coraggiosamente, Rosildo Pacenti, nel 1962, corona il proprio sogno di mettersi in proprio, acquistando il Podere Canalicchio, dove punta forte sul Sangiovese ed il suo potenziale. La prima annata prodotta di Brunello di Montalcino è la 1966, anno della Doc, e nell’anno successivo la Famiglia Pacenti sarà tra i 25 fondatori del Consorzio del Vino Brunello di Montalcino. Nel 1988, il figlio di Rosildo, Franco, da anni al fianco del padre, prende le redini dell’azienda, restaura la cantina storica, impianta nuovi vigneti ed imprime la propria impronta, tradizionalista, al lavoro in vigna ed in cantina. Nel frattempo, il Brunello irrompe nella scena enoica nazionale ed internazionale, la famiglia Pacenti abbandona le altre colture e si concentra esclusivamente sul vino, arrivando a 10 ettari di vigneti, tutti a Sangiovese, coltivati ai piedi della collina di Montalcino. Oggi, al fianco di Franco, lavorano, ognuno in un ambito diverso, i tre figli: Lisa, Serena e Lorenzo, terza generazione della famiglia.

banner home chi siamo